North Sails NEWS

Aprile 26, 2018

LO SFREGAMENTO NON SI ARRESTA MAI

Le nostre informazioni sulla manutenzione delle vele da parte dell'utente si applicano esclusivamente ai tessuti e laminati tradizionali. 3Di è una tecnologia composita, non un laminato da vela. Per informazioni sulla manutenzione delle vele 3Di, leggere Sail Maintenance (Manutenzione vele). Segue quanto è necessario sapere in relazione allo sfregamento su tessuti tradizionali.

Il CEO di North Sails, Dan Neri, ci mostra come evitare che lo sfregamento distrugga le vele.

In tutti i punti in cui le parti in tessuto morbide della vela sfregano sulle parti in metallo dure, la vela finirà per danneggiarsi. È difficile per un produttore di vele identificare tutte le potenziali zone di sfregamento, pertanto è necessario che l'utente osservi e aggiunga (o sostituisca) protezioni antisfregamento prima che si formi un buco.

Tela e dacron pesante funzionano al meglio per le superfici di sfregamento attorno agli anelli. È facile che la tela si pieghi attorno agli angoli; essendo realizzata con fibre più spesse, resisterà meglio all'usura rispetto al dacron. Il dacron d'altro canto è più facile da cucire, avendo una massa inferiore. Per la protezione dallo sfregamento non amiamo particolarmente la pelle, sebbene quando è nuova abbia una piacevole resa estetica. La pelle quando è bagnata si estende, pertanto tende a strapparsi più facilmente rispetto alle protezioni antisfregamento in tela.

Questa protezione antisfregamento in pelle non aiuta affatto la vela. Quando la pelle si bagna, nel punto in cui sfrega contro la cima del terzarolo tende a lacerarsi. Qualcuno ha provato a cucire un altro strato di pelle sul primo, nella zona sopra l'anello del terzarolo. Questo nuovo strato di pelle durerà per sempre perché in quel punto non si verifica sfregamento della borosa.

Se capita di vedere la vela che sfrega sull'armamento, oppure lazy jack o sartie volanti che sfregano sulla vela, cerchiare la zona di contatto con un pennarello. Quindi, alla prima occasione, rivestire la zona contrassegnata con un materiale appropriato.

 

Come realizzare le toppe di sfregamento

Il materiale più comune antisfregamento è lo "Stickyback". Grazie alla sua leggerezza si adatta alla superficie della vela, anche se applicato su aree che includono strati sfalsati di rinforzo o tasche per stecche. Il fatto che la superficie sia scivolosa consente al tessuto di scorrere sugli altri materiali, senza impigliarsi o riscaldarsi a seguito dell'attrito. Tuttavia, essendo sottile e realizzato con fibre leggere, rappresenta solo una soluzione temporanea.

Toppe antisfregamento più pesanti possono essere realizzate in tessuto di poliestere per vele e diverse strisce di adesivo seamstick o uno strato sottile di adesivo liquido. Quando possibile, il materiale antisfregamento dovrà essere applicato con adesivo piuttosto che cucito, perché a un certo punto sarà necessario sostituirlo. La cucitura lascia dei buchi nella vela quando viene rimosso il vecchio materiale antisfregamento e altri buchi quando viene applicato il materiale di sostituzione. Applicare diversi strati di materiale più leggero con adesivo rappresenta la modalità migliore.

Per toppe multistrato, lo strato grande dovrà essere più grande del 20-40% rispetto allo strato piccolo per assottigliare la toppa.

Le aree più comuni di sfregamento includono:

Crocette

Nel punto in cui le estremità della crocetta spingono con forza nella superficie della vela, è necessario cucire una toppa in dacron su ciascun lato della vela. Se la balumina della vela sfrega sulla base della crocetta durante i bordeggiamenti, ma non entra in contatto con l'estremità della crocetta, utilizzare una toppa più leggera, completamente sacrificabile.

Le rande su imbarcazioni con crocette rovesciate sono inclini a forature dalle estremità della crocetta sia quando si naviga sottovento sia quando si ammaina. Quando i carichi della randa cambiano, il tessuto viene premuto fortemente contro l'estremità della crocetta. Alla fine l'estremità della crocetta provoca un buco nella vela. Dato che il buco si trova sul lato sottovento si potrebbe non vederlo. Ciò può comportare un notevole danno se non si interviene tempestivamente.

Questo buco ha penetrato la tasca per stecche per via dello sfregamento quasi continuo contro gli armamenti verticali dell'imbarcazione.

Suggerimenti per ridurre al minimo il danneggiamento quando si ammaina

  • Tagliare leggermente la vela in eccesso oppure mantenere la tensione sul vang del boma.
  • Monitorare gli strati di protezione antisfregamento sulla vela.
  • Avvolgere l'estremità della crocetta con nastro nero in modo tale che la crocetta lasci un segno sulla vela che indicherà l'inizio dell'usura.

Candelieri

Se la base della vela di prua talvolta raggiunge la parte superiore di un candeliere, cucire una toppa in dacron su ciascun lato della vela. Se la base della vela talvolta sfrega sull'anello che fissa la sagola superiore al pulpito di prua, aggiungere una toppa più leggera, completamente sacrificabile.

Tasche per stecche a lunghezza completa

Uno strato sacrificabile di tela Spectra cucito sul nastro in dacron può essere facilmente sostituito con un altro, se necessario.

Le stecche a lunghezza completa sfregano su armamenti verticali, sartie volanti e lazy jack. Gli armamenti verticali rappresentano il problema principale perché sono rigidi. Anche le stecche sono rigide, pertanto il materiale della tasca si trova, come si suol dire, tra l'incudine e il martello. Le tasche dovranno essere rivestite con un robusto strato di tessuto o tela, preferibilmente Spectra, che non si scalda con l'attrito come il poliestere. La tela in nylon presenta una buona resistenza allo sfregamento, tuttavia restringendosi fa piegare la tasca per stecche.

Come realizzare una protezione antisfregamento per la tasca per stecche

  • Tagliare un pezzo di nastro di tela per vela leggero che abbia la stessa lunghezza e larghezza della tasca per stecche.
  • Cucire la tela Spectra lungo il centro.
  • Incollare il nastro alla tasca con Spectra rivolta verso l'esterno.
  • Cucire lungo i bordi della tasca per stecche, quanto più possibile in corrispondenza della cucitura a macchina esistente.

Estratto da The Complete Guide to Sail Care and Repair, di Dan Neri

  • #GoBeyond